Recensione: Muses, di Francesco Falconi

Muses_Francesco-Falconi-192x300In occasione della imminente intervista all’autore che faremo sulla nostra pagina facebook, ci sembrava doveroso ripescare questa recensione che stilai per il blog di Mondadori Mondi Chrysalide. Per ricordare un libro dell’autore che ci era molto piaciuto e presentarlo al meglio ai nostri utenti.

Titolo: Muses
Autore: Francesco Falconi
Editore: Mondadori
Numero di pagine: 488
Prezzo: 14,45 € (9,90 € l’ebook)
Formato: rilegato

Trama (dal sito dell’editore): 

Quando scappa da Roma  diretta a Londra, coperta di tatuaggi e piercing, Alice sente che la sua vita potrebbe cambiare per sempre. Ha appena scoperto di essere stata adottata, ma per lei questa  notizia è quasi un sollievo. Cresciuta con un padre violento e una madre incapace di esprimere il proprio affetto, ora Alice deve scoprire le sue radici e l’eredità che le ha lasciato la sua vera famiglia.
Decisa, risoluta, ribelle, è una violinista esperta ed è dotata di una voce straordinaria. Ed è proprio questa voce a guidarla verso la verità: le antiche nove Muse, le dee ispiratrici degli esseri umani, non si sono mai estinte.
Camminano ancora tra noi. I loro poteri si sono evoluti. E Alice è una di loro.
La più potente. La più indifesa. La più desiderata da chi vorrebbe sfruttarne gli sconfinati poteri per guidare gli uomini, forzarli se necessario, fino alle conseguenze più estreme.

Ma un dono così può scatenare l’inferno.

Recensione:

Muses è un romanzo di Francesco Falconi. Viene classificato come Urban Fantasy, ma a mio parere è molto più di questo.

I personaggi, in particolar modo la protagonista, sono caratterizzati alla perfezione. Il senso di disagio, la voglia di ribellione, la paura di Alice emergono in maniera netta, arrivando dritti al cuore di chi legge e fatica a staccarsi dalle pagine.

Alice è una ragazza dotata di un talento straordinario, ha una voce che tocca il cuore ed è un’abile violinista. Ha vissuto un’esistenza sempre in bilico fra la vita e la morte: un padre alcolizzato e violento, una madre succube e incapace di ribellarsi al marito, cattive compagnie, droga, alcol, furti. Una ragazza segnata nel corpo tanto quanto nello spirito, che si nasconde dietro il trucco pesante, i piercing, i tatuaggi e l’aria da dura, per non mostrare al mondo quanto in realtà sia fragile.

In seguito a un incidente stradale, la vita di Alice cambia. La ragazza scopre di essere stata adottata e finisce a Londra per rintracciare la zia, unica parente rimasta in vita. Il viaggio sarà un percorso spirituale tanto quanto fisico. La giovane Alice scoprirà infatti di essere la reincarnazione moderna di una delle nove Muse e di possedere un dono che fa gola a molti: la capacità di piegare la volontà degli uomini usando la Voce.
Ed è proprio Alice a fare la differenza in questo romanzo, a distinguerlo dagli altri Urban Fantasy.

La sua caratterizzazione e la psicologia che è alla base di questo romanzo lo elevano a un livello superiore e fa sì che il libro si possa apprezzare non solo dal punto di vista della fantasia, ma anche sociale. Una protagonista vera, con alti e bassi come capita a tutti nella vita e con una tenacia tale da arrivare al lettore e rimanere impressa anche a lettura terminata.

Una trama ricca di colpi di scena e un finale toccante concludono in bellezza il romanzo, che si dimostra essere un elegante mix fra realtà e fantasia, una miscela convincente di mitologia e quotidianità che non posso che consigliare.

Voto: 45Stellina-nuova1trasparente1

timbro1

La recensione che avete letto è opera di Luna.


6 thoughts on “Recensione: Muses, di Francesco Falconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *