I Vivi, i Morti e gli Altri – Claudio Vergnani

 

Titolo: I Vivi, i Morti e gli Altri

Autore: Claudio Vergnani

Editore: Gargoyle Books

 

Dalla seconda di copertina:

Le cose sono cambiate: nessuno riposa più in pace dopo la morte e il mondo si popola di terribili zombi.

Oprandi è un ex militare di mezz’età, stanco e alcolizzato, privo di certezze per l’oggi e senza alcuna speranza per il domani, che viene assoldato per dare la morte definitiva a coloro che “grattano” furiosi per uscire dai loro sepolcri.

L’uomo si imbatte nella facoltosa signorina Ursini, con cui stringe un patto: recuperare il padre non-morto sepolto nella cappella di famiglia e riportarlo alla figlia che provvederà, dopo che Oprandi gli avrà restituito la pace eterna, a seppellirlo di nuovo con tutti i crismi religiosi. In cambio lei lo condurrà con sé in Svizzera, al sicuro.

Ma l’impresa è tutt’altro che facile. Fra zombi, strani e inquietanti incontri, gruppi armati allo sbando, luoghi da girone infernale, amici veri o presunti, Oprandi capirà che la minaccia non viene solo dai cadaveri resuscitati, ma anche e soprattutto da quegli individui che non hanno perso la vita, ma di sicuro l’umanità.

Per tutto il tempo impiegato a leggere, sono stato accompagnato dalla spiacevole consapevolezza che prima o poi sarei arrivato all’ultima parola. Il libro si legge bene, lo stile è leggero e scorre veloce (anche troppo), tanto che a 70-80 pagine dalla fine (che sono circa 470) mi sono costretto a rallentare, perché mollarlo mi dispiaceva proprio.

Mi dispiaceva perché i personaggi li senti vicini, perché sono veri e italiani al 100%, niente stereotipi d’oltreoceano. Ti ci affezioni. Oprandi è un eroe che eroe non è per niente (Lillo poi è uno spettacolo!)

La storia si regge sullo scheletro classico del fantasy (viaggio, mille incontri, mille peripezie), ma in questo caso è perfetto così. A mio avviso c’è qualche parentesi di troppo, con periodi anche molto lunghi, e questo mi ha fatto leggermente perdere il filo in un paio di occasioni. Il finale è aperto, da interpretare, ti fa rimuginare la notte su ciò che potrebbe succedere oltre l’ultima pagina. E ti lascia l’amaro in bocca.

Ho letto solo questo romanzo di Vergnani (dovrò riparare al danno) ma mi sento di dire che, ad oggi, questo scrittore sia uno dei massimi rappresentanti dell’horror nostrano.

Da rileggere!

Voto: 45Stellina-nuova1trasparente1

timbro1

La recensione che avete letto è opera di Roberto.

Product
I vivi, i morti e gli altri
Version
Cartaceo
Type
Libro
Product Author
Gargoyle Books
Reviewed by

on 30-05-2013
Rating
Price
16.50
Summary
Ho letto solo questo romanzo di Vergnani (dovrò riparare al danno) ma mi sento di dire che, ad oggi, questo scrittore sia uno dei massimi rappresentanti dell'horror nostrano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *