Le interviste su Facebook – Cristiana Meneghin

Ogni settimana, sul nostro gruppo Facebook, intervistiamo un autore. Il 30 ottobre è stato il turno di Cristiana Meneghin.

Vediamo come ha risposto alle nostre domande.

1. Presentati in poche righe. Chi sei? Da quanto tempo scrivi? Non rispondere “da quando ero piccola” o ti banniamo. Vogliamo sapere da quanto tempo scrivi seriamente, con l’intenzione di pubblicare.

Buon giorno a tutti. Vi ringrazio per questa opportunità. Mi chiamo Meneghin Cristiana e principalmente sono un Recensore presso il blog la Bottega dei Libri e un Editor presso il blog iCrewPlay. Nel tempo che mi rimane scrivo.

Mi sono laureata con lode in Filosofia Magistrale, nel 2013.

Se pur custodisco nel cuore il sogno di diventare Scrittrice (con la s maiuscola) fin dall’età di sette anni è da meno di un anno che ho iniziato a scrivere e devo confessarvi ho iniziato a scrivere senza avere il desiderio di pubblicare.

Ho iniziato a scrivere così, per me stessa, perché ne avevo bisogno.

È stata l’insistenza degli amici a convincermi di mandare il mio manoscritto a delle CE e quindi a loro devo la pubblicazione di Ananke

2. C’è un tuo scritto di cui vai più fiera? Perché?

Attualmente in commercio c’è solo il mio romanzo d’esordio Ananke, tra breve verrà pubblicato il suo sequel Artemisia, entrambi fanno parte di una saga dal titolo Le Gemme dell’Eubale. Sono orgogliosa di entrambi questi romanzi, ma lo scritto di cui vado più fiera è il romanzo su cui sto lavorando.

Il motivo è semplice, sarà il mio primo romanzo Self e finalmente potrò dire è mio e l’ho fatto da sola.

3. C’è un tuo personaggio che hai odiato? Perché?

La mia protagonista, Ambra. Ispirata a Luna di Final Fantasy XV è il suo opposto.

Io l’ho voluta rendere così, in modo da irritare il lettore.

É imbranata, ingenua, troppo dolce. Inoltre pare che adori cacciarsi nei guai. Se c’è un luogo pieno di crudeli e affamate creature pare che lei riesca a trovarlo.

Se c’è un corridoio di un lugubre castello in cui non deve entrare ci entra e se c’è una sola persona al mondo che non deve incontrare, Arhon, lei la incontra e se ne innamora.

É inutile dirvi che maturerà lungo il percorso dei tre volumi a lei dedicati

 4. Quali generi scrivi e quali leggi?

Non ho un genere né quando scrivo né quando leggo.

Ananke e Artemisia sono dei Paranormal fantasy con dei tratti New Adult. Ho scritto un racconto per la raccolta di racconti Io me lo Leggo 2 dal titolo Come un Soffio di Scirocco ed è un giallo. Il romanzo su cui sto lavorando è un rosa.

Io scrivo le storie così come si formano nella mia mente.

Per la lettura, leggo di tutto anche se prediligo i Thriller, i gialli, i noire, i fantasy e credo di non aver trovato ancora un volume di Fantascienza che io riesca a digerire, tuttavia continuerò la mia ricerca.

L’ultimo libro da me letto è Io ti troverò di Shane Stevens.

5. Sei:

– autrice self
– autrice con CE
– autrice ibrido (self + CE)?
Perché questa scelta?

Sono un’autrice con CE, Lettere Animate è la CE che ha creduto in Ananke quando nemmeno io credevo, è la CE che mi ha fatto conoscere questo mondo e sinceramente devo molto a questa CE.

Tuttavia passerò al Self con il mio prossimo romanzo, non ho un motivo preciso ho solo voglia di vedere dove posso arrivare da sola e dire questo l’ho fatto io è un lavoro mio.

6. Perché un lettore dovrebbe scegliere di leggere un tuo libro?

Non è una domanda facile. Risponderò con quello che i lettori hanno detto di me.

Ananke è un romanzo coinvolgente, una lettura semplice, è scritto in prima persona dai due protagonisti e gli avvenimenti portano a leggerlo in poche righe.

In particolare c’è una dedica che porto sempre nel mio cuore, «Un romanzo che vi colpirà con la forza di un meteorite, ineluttabile il destino che narra, fatale l’amore dei due protagonisti… in fondo lo stesso Simonide diceva: “Neanche gli Dei combattono contro Ananke,” il potente fato.». Questa dedica è firmata da Monica Le Morgan, una cara amica conosciuta grazie a Lettere Animate.

7. Quali progetti hai per il futuro?

Attualmente mi sono concessa una pausa dal mondo del lavoro per godermi la mia piccola appena nata.

Per quello che riguarda il mondo della scrittura ho in mente solo una cosa: NON ARRENDERMI!!

E voglio gridarlo. Anche se sono appena diventata madre, anche se il tempo sfugge rapido, anche se il mondo dell’editoria è in crisi e anche se ci sono persone che quando vengono alle presentazioni dei miei libri mi guardano come ai tempi guardavano quella bambina di sette anni che sognava di diventare una scrittrice io non mi arrenderò e arriverò là dove sogno di stare: nelle librerie o quanto meno lotterò per riuscirci.

8. Consiglia il libro di un tuo collega e dicci perché hai scelto proprio quello.

Tra tutti i libri che ho letto nella mia vita e sono tanti, io ho scelto di consigliarvi La Chiave Del Portale di Nadia Boscu un fantasy avvincente edito Lettere Animate.

Il perché è semplice, quando lo leggevo mi ha fatto tornare bambina suscitandomi emozioni che si erano assopite dentro di me e poi perché è uno dei primi libri che ho letto in compagnia della mia piccola che ridacchiava al suono della mia voce. Questi momenti per me sono gioielli preziosi.

Vi ringrazio

Con affetto

Meneghin Cristiana

 

 

Se siete anche voi autori e volete essere intervistati da noi, partecipate al gruppo Facebook e inviate un messaggio a Lucia C. Silver!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *