Capitano – Racconti commemorativi

Capitan America contro HitlerCAPITANO

L’immaginazione non può muovere le montagne,
ma può creare qualcuno che lo sappia fare.
T. Pratchett

Entrai nello stanzino in fondo al corridoio – che affettuosamente chiamavamo “ufficio” – con tanta foga da andare quasi a sbattere contro la pila di scatoloni di fianco alla scrivania di Jack.

“Guarda qua”, lo salutai ficcandogli il Daily sotto il naso. “Pure gli italiani ci si sono messi”.
Come risposta ebbi un “uhm”, e nemmeno un’occhiata.
Feci il giro attorno agli scatoloni e sedetti di peso al mio posto. Spostai una boccetta di china e un mazzetto di fogli da inchiostrare, spiegai il giornale sul tavolo, a pagina due.
“Senti, lo dice anche Roosevelt: non possiamo permettere che gli Stati Uniti diventino un’isola, un’isola solitaria nel mondo dominato dalla filosofia della violenza. Un’isola che si avvia… Oh, insomma, intende che non possiamo fregarcene di cosa succede là!”
Jack rispose con un cenno della testa, ma non sembrava mi stesse davvero ascoltando. Tracciava schizzi su un foglio, in modo quasi casuale, con la mano lasca che sorreggeva appena la matita.
Avevo imparato che, quando faceva così, stava inventando qualcosa.
“Credo che dovremmo andare a tirare un calcio nel culo a quel nano”, conclusi a bassa voce, ancora preso dalla rabbia ma preoccupato di fargli perdere l’ispirazione.
Jack alzò di scatto gli occhi dal foglio e li puntò nei miei. Ardevano.
“Esatto Joe, esatto”, mi disse con un sorriso che su quel grugno pareva più una smorfia. “Un bel calcio nel culo. Al nano. Proprio così”. E riprese a disegnare, con molto più impegno di prima.
Cercai di sbirciare il foglio, per capire a che idea stesse dando vita. Vidi solo un paio di occhi incazzati, ripassati tanto da bucare quasi la carta, una mascella squadrata delle sue, e poco altro sotto.
“O un bel pugno sul mento. Perché non un diretto al mento, eh Joe? Come copertina ci starebbe una favola, no?”, mi chiese senza degnarmi di un’occhiata. Aggiunse una bocca dai denti smaglianti, aperta in un urlo rabbioso.
“Copertina di che?”, provai a chiedere. Mi alzai e, circumnavigando lentamente il disordine, mi misi alle sue spalle. “Idee per il mese prossimo?”
Annuì vigorosamente, mentre tracciava con pochi gesti veloci una spalla muscolosa e un bicipite gonfio. “Magari anche più di un mese, chi lo sa quando finisce la guerra”, profetizzò.
Lo guardai aggiungere anche l’altra spalla, un torace possente, due gambe da atleta e un paio di righe squadrate al posto dei piedi.
“I piedi ti vengono da schifo. Fagli gli stivali. No, non lisci, faglieli da pesca”.
Mi chiese perché con uno sguardo. Alzai le spalle. Mi ero solo stufato degli stivali lisci.
Jack gonfiò ancora un po’ le gambe e le braccia, aggiunse i quadretti degli addominali, ma cambiò subito idea e li cancellò.
“Gli faccio la tuta”, dichiarò spazzando con la mano le molliche della gomma.
“Perché è così muscoloso? Ci hai già pensato?”
“Pensavo a un super siero, magari un esperimento di laboratorio, qualcosa che lo renda speciale e invincibile”.
“Invincibile… contro il nano?”
Mi rispose con un altro, raro sorriso. Voleva proprio tirare un calcio al nano. O un pugno sul mento.
Lo lasciai alla sua tuta e andai a prendere due tazze di caffè, pensando nel tragitto a chi potesse essere il tizio muscoloso in grado di far fuori quel coglione di Hitler.
Quando tornai in “ufficio” gli porsi una delle due tazze e un’idea: un soldato, con la mentalità adatta e le conoscenze giuste per combattere. Un soldato che viene pompato in laboratorio, così potente da far fuori tutti i cattivi. Un po’ infantile, forse, ma chi non avrebbe amato un superpatriota che picchia i cattivi?
Jack rise e ci aggiunse del suo: un soldatino qualsiasi, uguale ai nostri ragazzi, uno qualunque. Magari addirittura scartato alla leva, troppo magro, sai che spasso. Ma si presta all’esperimento con gioia, perché ama il suo paese. E va a fare il culo a Hitler.
Mi mostrò la bozza che aveva finito nel frattempo.
“Hai copiato The shield, guarda che se ne accorgono, Jack”.
“Non l’ho copiato. Questo ha una stella sola, The shield ne ha un numero totalmente a caso. Ho più stile, io”, disse serio.
“Ti concedo che il tuo è più aerodinamico. Metti mai che voli… Ma i colori sono uguali”.
“Pignolo. Ok, li inverto”.
Cancellò “rosso” e scrisse “blu”, in piccolo, su gambe e braccia. La stella sul petto la lasciò bianca.
“Oh, beh, se proprio bisogna copiare, almeno rendiamola una citazione. Fagli uno scudo”.
Jack sogghignò e con un paio di righe ben tirate gli mise in mano uno scudone a tre punte.
“Può andare”, sentenziai. Poi mi dedicai al caffè e a una storia che stesse in piedi per questo super soldato.
Immaginai la sua faccetta spaurita ma determinata mentre si offriva per l’esperimento, mi chiesi se al momento della trasformazione ci sarebbero state meglio le lame gialle o una fiammata, gli diedi un nome provvisorio, mi piaceva Roger, o Donald e…
“Jack, come lo chiamiamo?”
“Super Soldier?”
“Banalissimo”
“Super American!”
“Un altro Super? Non ce ne sono già abbastanza?”
Jack fece fuori mezza tazza di caffè in un sorso solo. Ne riemerse con un “aaaaah” soddisfatto.
“Capitano”, sussurrò al foglio. Pareva gli parlasse. “Capitan America”.

Escrivere.com ha deciso di ricordare particolari eventi storici attraverso dei racconti, scritti dagli utenti della nostra Community.
Avete in testa una storia su Che Guevara, sullo sbarco in Normandia, sui fratelli Wright che tentano il primo volo o su Charlie Chaplin che inventa Charlot? Su un momento storico o un personaggio che vi ha ispirato?
Pubblicatela nel gruppo Racconti di escrivere.com, i migliori racconti saranno scelti per essere pubblicati sul nostro blog.

I racconti commemorativi di È scrivere

Evento: data di nascita di Jack Kirby

Biografia:

Jack Kirby (New York, 28 agosto 1917 – Thousand Oaks, 6 febbraio 1994) è stato un fumettista statunitense.
Creatore di un gran numero tra i più noti personaggi del fumetto americano, legò il proprio nome alla Marvel Comics fin dal 1940 quando, insieme a Joe Simon, diede vita a Captain America.
Seguirono i Fantastici Quattro, Silver Surfer, Thor, Hulk, Iron Man, gli X-Men, i Vendicatori, il Dottor Destino, Magneto e molti altri.
Innovativo, prolifico, inconfondibile, indimenticabile, Jack Kirby è a tutt’oggi chiamato, dai colleghi e dai fan, Re del fumetto. Sulla sua lapide è incisa una corona.

L’autore:

Bee

Tutti i racconti di È scrivere - Community per scrittori vengono editati prima di essere inseriti sul blog.
Link all’editing:
Editing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *